Dopo le minacce di morte alla Casellati, i Carabinieri hanno individuato due uomini: perquisizioni nelle abitazioni e sui cellulari.

minacce casellati
Casellati (Youtube)

I Carabinieri del comando provinciale di Roma hanno individuato i responsabili delle minacce di morte indirizzate a Maria Elisabetta Alberti Casellati. Nello scorso maggio la presidente del Senato aveva incassato dei messaggi pesanti su Facebook e Twitter, e i militari si sono messi immediatamente sulle tracce degli Ip, indirizzi che permettono di stabilire da quali dispositivi siano partiti i post con le parole dirette alla Casellati. Dopo le indagini, sono state identificate due persone, e sono scattate immediatamente le perquisizioni. 

Leggi anche: Emergenza rifiuti, il grido del popolo di Roma Est: “La grande monnezza”

Minacce a Casellati: fermati due uomini a Teramo e Verona

minacce casellati
Individuati gli autori delle minacce alla Casellati (Youtube)

Messaggi pesanti con minacce di morte e violenza. I post indirizzati a maggio alla Casellati sono stati oggetto immediato di indagini, che hanno portato risultati. I militari dell’arma hanno infatti tracciato gli indirizzi Ip e identificato due uomini: si tratta di un 62enne della provincia di Teramo e di un 42enne della provincia di Verona. Entrambi risulttao disoccupanti e con piccoli precedenti penali. Sono immediatamente scattate le perquisizioni nelle abitazioni e il sequestro dei cellulari dei due uomini dai quali sarebbero partite le minacce. Pare, almeno al momento e secondo le prime ricostruzioni, che i due soggetti non appartengano ad alcuna frangia estremista.