Entra nel vivo la campagna elettorale a Roma con il primo confronto: intanto è curiosa la particolare classifica dei consensi social. Raggi genera critiche, Michetti ottimismo.

elezioni roma
Enrico Michetti nella classifica dei commenti social genera ottimismo (screenshot)

Uno studio del Corriere della Sera, condotto dal data scientist e ingegnere Massimiliano Spaziani, e da un giornalista, ha analizzato i flussi sia su Facebook che su Twitter indirizzati alle elezioni a Roma. Il primo dato molto particolare è la differenza rispetto ad altre campagne elettorali, ed è nei commenti che vengono generati. La maggior parte dei post sono infatti all’insegna del negativo. Analizzando il sentimento generale l’analisi riscontra le cattive sensazioni predominanti negli utenti social, che analizzano ciò che non è andato e gli aspetti su ciò che non funziona nella capitale.

I social sono infatti molto diversi, ma il sentimento è comune. Facebook è  strumento di dialogo e comunicazione fra pari. Twitter è molto diverso, e fa opinione, anche in maniera dura. Nell’analisi dei candidati spunta invece una predominanza di commenti Facebook per Virginia Raggi, mentre al secondo posto si colloca Calenda e poi Gualtieri. Poi Michetti, che ha fatto registrare una crescita nell’ultima settimana. Su Twitter è Calenda a raccogliere più menzioni, poi la sindaca uscente e ancora Gualtieri e Michetti. Avere più commenti però non significa che siano tutti positivi. Il tema principale è infatti motivo di grande critica, soprattutto per quel che riguarda la Raggi.

Leggi anche: Incontro tra Raggi e il prefetto di Roma, ecco cosa si è deciso

Elezioni Roma, la classifica dei commenti sui social: il tema principale sono i rifiuti, Michetti genera ottimismo

raggi
Virginia Raggi prima su Facebook, ma molti commenti sono negativi (Youtube)

Nella speciale e curiosa classifica stilata dal Corriere della Sera, sono evidenti i numeri che testimoniano un boom di commenti per la Raggi. Il tema dei rifiuti però stravolge le classifiche. É predominante infatti la discussione relativa al degrado. Il nome della Raggi è infatti associato alla confusione e alla rabbia, Calenda alla modernità, mentre Gualtieri non genera sentimenti particolari. La figura a cui è maggiormente associato l’ottimismo è invece Michetti, che su Facebook raccoglie meno commenti degli altri candidati ma sono associati a sensazioni positive. E intanto oggi dai social si passa ai fatti, con il primo confronto. Che promette scintille.