Bonus Tv di 100 euro: come fare a richiederlo? Nell’articolo maggiori dettagli

100 euro (screenshot video YouTube)

Manca poco alla partenza del bonus Tv per il 2021. Tra due settimane ci sarà la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. A dare la conferma la firma del Mes e del Mise. Il tutto è per far sostituire alle famiglie il loro vecchio televisore con uno nuovo, standard del digitale terrestre per il 2022.

C’è un incentivo fino a 100 euro a partire dal 1 settembre e che vedrà la copertura su tutto l’intero territorio nazionale a partire dal 2022. Nel prossimo anno i vecchi televisori che non andranno bene saranno sostituiti (Dvb-T 2 con codifica Hevc main 10). Da settembre la codifica MPEG2 lascerà il posto a MPEG4.

LEGGI ANCHE >>> Malika Chalhy, non solo la Mercedes: ecco il suo altro acquisto di lusso

Il grande passo avverrà già dal 1 settembre dove alcune regioni attueranno il cambio della tecnologia di codifica audio-video MPEG 4 (come il Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia-Romagna). In parole povere: chi non ha una tv in alta definizione potrà dimenticarsi dei canali TV del digitale. Confindustria Tv, invece, non ci sta e spera che nello slittamento almeno agli inizi del mese di ottobre.

Con questi 100 euro di bonus si potranno rottamare i vecchi televisori. Esempio: se si vuole acquistare una tv di 500 euro, la persona ne pagherà solamente 400. Non c’è nulla da compilare, nessuna iscrizione online da fare. Non è chiaro per chi lo sconto sarà di 100 o di 50 euro. Con Isee potrebbe essere più alto e più basso per gli altri.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Come richiederlo? Ecco i requisiti

Eccoci arrivati al pezzo forte: come fare la domanda per il Bonus tv? Prima di tutto bisogna ottenere la residenza in Italia. Seconda cosa il pagamento in regola del canone Rai e infine la rottamazione di un vecchio televisore (almeno prima del dicembre del 2018 e non compatibile con i nuovi standard di trasmissione).

Questo bonus sarà valido anche per gli acquisti online. Nei prossimi giorni verrà fuori il decreto attuativo, dove emergeranno altre novità per questo. La rottamazione avverrà in sede di acquisto: prima bisognerà consegnare al rivenditore quello vecchio e farà lo sconto del 20%, lo stesso rivenditore riscatterà il credito fiscale grazie ad una compensazione. I  cosiddetti “furbetti” sono avvisati.

Nel caso in cui ci fossero difficoltà (se qualcuno non sa se gli apparecchi sono da cambiare) la stessa Mise ha pubblicato una lista (clicca qui) direttamente sul proprio sito. Se la tv è stata acquistata dopo il 2017 non dovrebbero esserci problemi.